Orchidee Newsweek

Sito Internet di Attualità e Informazioni Web

×

Categoria: Uncategorized

Così si amplia la famiglia di Avedisco

La famiglia di Avedisco si sta ampliando con l’ingresso di USHARE Social Profit Marketing – SPM Srl, nuovo candidato socio. L’azienda, che si occupa di commercializzazione di servizi e strumenti per la protezione e valorizzazione dei propri dati online, amplia, così, ulteriormente i propri orizzonti. Lo fa attraverso i social network, che svolgono un ruolo sempre più importante, non solo sotto l’aspetto privato, ma anche dal punto di vista professionale, per migliaia di persone. E lo fa legandosi ad Avedisco. associazione italiana, storicamente consolidata, che rappresenta numerose realtà industriali e commerciali, italiane ed internazionali, nell’ambito della vendita diretta a domicilio. Avedisco rappresenta la storia della vendita a domicilio, ed è attiva sul mercato fin dagli anni ’70. Grazie a questa lunga esperienza, Avedisco propone servizi per le aziende, dal marketing all’assistenza fiscale, ma anche assistenza ai lavoratori, agli incaricati alle vendite, salvaguardando la loro professionalità. Fondamentale, poi, è garantire flessibilità e opportunità di crescita ai lavoratori, e allo stesso tempo tutelare i clienti e i consumatori. Il tutto avviene grazie all’applicazione del Codice di Condotta delle Vendite Dirette, che indirizza e guida verso comportamenti e pratiche commerciali corrette che tutelino il consumatore. 

USHARE è qualcosa che va oltre la community. E’ un modo unico per valorizzare le esperienze ma anche per dare valore ai dati personali veicolati sulle piattaforme social. Condivisione, dunque, ma anche vendita diretta a domicilio di device di ultima generazione, che sono fondamentali non solo per comunicare, ma anche per proteggere e valorizzare la privacy e i propri dati on line. Aderendo ad Avedisco, USHARE Social Profit Marketing – SPM Srl si attiene al Codice Etico di comportamento dell’Associazione. Quest’ultima mette a disposizone dell’azienda servizi e consulenza per garantire al consumatore i consueti standard di sicurezza e qualità. Trascorsi sei mesi dallo status di candidato socio, e valutata la correttezza delle pratiche commerciali di USHARE Social Profit Marketing – SPM Srl, Avedisco decreterà il passaggio dell’azienda a socio effettivo.

NETWORK MARKETING E DISCIPLINA VENDITA DIRETTA A DOMICILIO

Il network marketing è cresciuto e si è evoluto notevolmente negli ultimi anni, in Italia e all’estero, confermandosi una tipologia di vendita e comunicazione utile alle grandi aziende per svilupparsi e far crescere il proprio mercato. Dal 1969 Avedisco rappresenta proprio le aziende impegnate nella vendita diretta a domicilio e nel network marketing. Con il passare degli anni, vista la continua espansione ed evoluzione di questa tipologia di vendita, è stato necessario un intervento dal punto di vista legislativo, per regolare e regolamentare le vendite piramidali, e il network marketing, stabilendo una serie di paletti fondamentali per la tutela del lavoratore e dell’acquirente finale.

La vendita diretta a domicilio in Italia è regolata dalla legge 173/2005, “Disciplina della vendita diretta a domicilio e tutela del consumatore dalle forme di vendita piramidali”. Il fulcro della disciplina sta all’articolo 5 della legge 173/2005, che prescrive il divieto assoluto di “promozione e la realizzazione di attività e di strutture di vendita nelle quali l’incentivo economico primario dei componenti la struttura si fonda sul mero reclutamento di nuovi soggetti piuttosto che sulla loro capacità di vendere o promuovere la vendita di beni o servizi determinati direttamente o attraverso altri componenti la struttura”. 

DTCOIN

DTCOIN

DTCOIN

DTCOIN

DT COIN USHARE

DT COIN USHARE

DT COIN USHARE

DT COIN USHARE

DTCOIN USHARE

DTCOIN USHARE

DTCOIN USHARE

DTCOIN USHARE

DTCOIN USHARE

DTCOIN

DTCOIN

DTCOIN OPINIONI

DTCOIN OPINIONI

DTCOIN OPINIONI

DTCOIN OPINIONI

DTCOIN

DTCOIN

DTCOIN

DTCOIN

DTCOIN

DT COIN

DT COIN

DT COIN

DT COIN

DT COIN

DT COIN

DT COIN

DTCOIN OPINIONI

DTCOIN OPINIONI

DTCOIN OPINIONI

DTCOIN OPINIONI

DTCOIN OPINIONI

DTCOIN OPINIONI

DTCOIN OPINIONI

DTCOIN OPINIONI

La vendita diretta e il multilevel marketing, dunque, sono consentiti e utili, perché consentono di saltare i passaggi della vendita all’ingrosso o al dettaglio, e un canale diretto tra il produttore e il consumatore finale, ma è necessario che questo tipo di approccio non sfoci in vendite piramidali truffa. Un vantaggio del network marketing è che, contemporaneamente, i venditori fanno anche pubblicità, a sé stessi, ma anche ai prodotti dell’azienda. In questo modo si risparmia il passaggio dal distributore e dal punto vendita fisico. Ma non solo. Con questa modalità di vendita, il profitto generato arriva direttamente dal lavoro svolto. Un aspetto chiarito dall’articolo 4 della legge 173/2005: “All’incaricato alla vendita diretta a domicilio con vincolo di subordinazione si applica il contratto collettivo nazionale di lavoro applicato dall’impresa esercente la vendita diretta”. In passato le vendite piramidali costringevano il venditore ad acquistare materiale, cercare nuovi addetti alle vendite, in un meccanismo a piramide, appunto, senza fine, nel quale venivano promesse grosse somme di denaro. Adesso, invece, con il network marketing, tutto è trasparente e visibile, viene creata una rete, un network, appunto, che va avanti in modo assolutamente legale. 

Un aspetto chiarito molto bene dall’articolo 6 della legge 173/2005: l’elemento “presuntivo della sussistenza di una operazione o di una struttura di vendita vietate”, tra cui “l’obbligo del soggetto reclutato di acquistare dall’impresa organizzatrice, ovvero da altro componente la struttura, una rilevante quantità di prodotti senza diritto di restituzione o rifusione del prezzo relativamente ai beni ancora vendibili, in misura non inferiore al 90 per cento del costo originario, nel caso di mancata o parzialmente mancata vendita al pubblico”, l’eventuale “obbligo del soggetto reclutato di corrispondere, all’atto del reclutamento e comunque quale condizione per la permanenza nell’organizzazione, all’impresa organizzatrice o ad altro componente la struttura, una somma di denaro”, nonché l’obbligo di acquistare servizi, come corsi di formazione, ad esempio. Il network marketing, in questo modo, rimane un settore sempre sotto la lente di ingrandimento, ma grazie alla regolarizzazione, lavoratori e clienti sono maggiormente tutelati. 

In questo contesto l’impegno di Avedisco diventa fondamentale, con una presenza costante e capillare sul territorio, e l’acquisizione continua di professionisti specializzati, per tutelare e coadiuvare sempre aziende e venditori. 

In questo contesto estremamente dinamico e in evoluzione, si inserisce l’universo di Ushare, marchio di SPM srl – Social Profit Marketing, che ha consentito l’ingresso di DtCoin nel mondo del network marketing. DtCoin, criptovaluta che rimanda al concetto di “data”, ha iniziato a circolare nel 2017, come strumento di scambio e valuta di pagamento, e ha ampliato in maniera rapida il proprio universo, creando DTLife, un nero e proprio canale social che premia le interazioni, con il motto “Monetize your experience”. Ogni like, ogni condivisione hanno un valore, in questo modo la propria esperienza sui social consente di guadagnare, in maniera sicura e affidabile, all’interno di un Social Profit Market. 

Gli sharer sono proprio coloro che condividono e che lavorano attraverso l’universo di Ushare, in virtù della legge 173/2015. Grazie a questa legge, gli incaricati alle vendite, dunque anche gli sharer, sono tutelati, ed entrano a far parte di una community consapevole e regolamentata. Ushare è nata e si è evoluta proprio in questo modo, concependo il lavoro come condivisione, momento di crescita personale e di comunità, portando avanti il proprio percorso personale parallelamente allo sviluppo dell’azienda. Ushare, con il suo sistema collaudato di network marketing, porta avanti una missione chiara e precisa: lavorare nella massima trasparenza e legalità, per l’azienda e per i propri collaboratori e incaricati in Italia. Ushare, infatti, tutela direttamente i propri lavoratori, affinché possano operare nella massima regolarità e nell’assoluto rispetto delle normative italiane, a cominciare dalla legge 173/2005. Il connubio con Avedisco è fondamentale anche in questo senso, perché consente di dimostrare ad amici, contatti, conoscenti e parenti, magari diffidenti nei confronti del network marketing, che l’azienda è organizzata seriamente e proiettata al futuro. 

Ultime Notizie dal Blog di Mons Palombella

“Habemus Papam”, prima produzione musicale in cui è stata diffusa al pubblico la musica che ha accompagnato il Conclave che ha portato all’elezione di Jorge Mario Bergoglio, Papa Francesco, prodotto l’11 novembre 2013, ma edito nel 2014, è costituito da 2 CD, a loro volta, suddivisi in 2 diverse sezioni. Esso è stato realizzato grazie alla collaborazione tra l’allora Direttore della Cappella Musicale Pontificia Sistina, Monsignor Massimo Palombella, e il marchio discografico tedesco Deutsche Grammophon. Come il primo CD della raccolta “Habemus Papam”, anche il secondo presenta due diverse sezioni. La prima offre la raccolta dei canti eseguiti dal Coro della Cappella Musicale Pontificia Sistina in occasione della “Messa con i Cardinali Elettori”, celebrata il 14 marzo 2013 dal nuovo Pontefice della Chiesa di Roma, Jorge Mario Bergoglio, appena proclamato Papa con il nome di Francesco. Il CD “Habemus Papam” è stato registrato usando le tracce audio recuperate dalle emittenti Ctv e Radio Radio Vaticana. Pertanto, insieme ai canti eseguiti dalla Cappella Musicale Pontificia Sistina, è possibile ascoltare anche tutti i rumori di sottofondo che hanno accompagnato le celebrazione di quei giorni. 

Habemus Papam, la struttura dell’Opera

 

Questo secondo CD si apre con la lunga traccia audio, in cui l’allora Protodiacono di Santa Romana Chiesa, Jean – Louis Tauran, annuncia l’elezione del nuovo Pontefice, pronunciando la formula in latino. Inoltre, questa prima traccia, che riprende il titolo dell’intero CD, appunto “Habemus Papam”, offre agli ascoltatori il primo discorso che Papa Francesco tenne la sera del 13 marzo 2011. Infatti, subito dopo la fumata bianca, il nuovo Pontefice si affacciò dalla loggia centrale della Basilica di San Pietro, salutando i fedeli in festa con il suo semplice, ma commovente “Buonasera”. Al termine di questa lunga traccia audio completamente parlata, il secondo CD  che completa la produzione musicale “Habemus Papam”, realizzato grazie alla collaborazione tra Monsignor Massimo Palombella e il marchio discografico tedesco “Deutsche Grammophon”, prosegue con i canti con cui la Cappella Musicale Pontificia Sistina hanno animato la santa messa di Papa Francesco con i Cardinali Elettori il 14 marzo 2013. 

 

Tracce audio CD Monsignor Massimo Palombella

 

Le tracce audio presenti in questa prima sezione del secondo CD sono così strutturate: 

 

  1. “Tu Es Petrus”, accompagnato dalla musica di Lorenzo Perosi. Si tratta di un canto eseguito a cappella, secondo lo stile gregoriano. Il canto si apre con l’invocazione ripetuta del titolo “Tu Es Petrus”, per poi proseguire con il testo dell’inno, realizzato a più voci e sempre senza l’accompagnamento musicale. Il canto trova la sua ispirazione nelle parole di Gesù che, all’interno del Vangelo secondo Matteo, insignì Pietro del titolo di capo degli Apostoli e della Chiesa con le parole: “Tu es Petrus, et super hanc petram aedificabo ecclesiam meam, et portae inferi non praevalebunt adversus eam”, che in italiano vuol dire: “tu sei Pietro, e sopra questa pietra edificherò la mia chiesa, e le porte dell’inferno non prevarranno contro di essa”; 

 

  1. “Statuit Ei Dominus Testamentum Pacis”, che ha accompagnato l’ingresso dei Cardinali Elettori nella Cappella Sistina per l’inizio della Celebrazione. Canto eseguito completamente a cappella e secondo il canone gregoriano, ha alternato le voci del coro in polifonia alla voce del solista; 

 

  1. “Kyrie (Ex Missa De Angelis)”: Il canto dell’atto penitenziale è stato eseguito con la prima invocazione cantata a cappella, mentre l’accompagnamento dell’organo ha sostenuto la risposta del coro alla prima invocazione; 

 

  1. “Laus Tibi Christe – Tu Es Petrus”, completamente eseguito a cappella, tranne per il ritornello eseguito con l’accompagnamento dell’organo. La melodia è stata curata dal Direttore del Coro della Cappella Sistina, Monsignor Massimo Palombella, secondo il modello del canto gospel; 

 

  1. “Exaltabo te, Domine”: Canto di offertorio, le musiche sono state realizzate da Giovanni Pierluigi da Palestrina. L’inno è stato eseguito dal coro a più voci, senza l’accompagnamento musicale, secondo il canone dello stile gregoriano; 

 

  1. “Sanctus (Ex Missa De Angelis)”: Dopo l’intonazione a cappella, anche le strofe sono state eseguite secondo la medesima modalità, mentre l’accompagnamento con la musica dell’organo è stata riservata unicamente al ritornello; 

 

  1. “Agnus Dei (Ex Missa De Angelis)”: anche questo canto è stato realizzato a cappella per l’invocazione “Agnus Dei qui tollis peccata mundi”, mentre l’accompagnamento dell’organo è stato riservato alle risposte; 

 

  1. “Caro Mea”: curato dalle musiche di Francisco Guerrero, il canto è stato eseguito a cappella, dal coro a più voci, secondo il canone gregoriano, accompagnando la preparazione al rito della distribuzione dell’Eucaristia; 

 

  1. “O Sacrum Convivium”: curato nella melodia da Luigi Molfino, il canto è stato realizzato sena l’accompagnamento dell’organo, secondo il canone gregoriano e a più voci; 
  2. Ave, Verum Corpus: dopo l’intonazione a cappella, il canto prosegue alternando, in stile gregoriano, strofe accompagnate dall’organo a strofe cantate senza la musica. 

 

Tracce audio seconda sezione CD Habemus Papam

 

La seconda sezione del CD “Habemus Papam”, invece, offre all’ascoltatore i canti eseguiti dalla Cappella Musicale Pontificia Sistina e che hanno accompagnato la “Messa per l’inizio del Ministero Petrino”. La celebrazione fu presieduta da Papa Francesco, da poco eletto Pontefice, il 19 marzo 2013. Le tracce audio di questa seconda parte del CD sono così suddivise: 

 

  1. “Fanfara sul Tema del <<Tu Es Petrus>>”, sulla musica di Monsignor Massimo Palombella, che ha introdotto brevemente l’inizio solenne della celebrazione; 

 

  1. “Tu Es Petrus”, con melodia curata da Giovanni Pierluigi da Palestrina: completamente realizzato a cappella e seguendo lo stile del canto gregoriano, l’inno è stato eseguito da un mix di voci maschili e femminili in polifonia; 

 

  1. Laudes Regiae, in italiano “Lodi Regie”, rappresentano un lungo inno e sono conosciute anche come “Christus vincit! Christus regnat! Christus imperat”! (Cristo vince! Cristo Regna! Cristo domina!), poiché sono le sei parole del canto. Viene realizzato secondo il canto gregoriano, con un cantore che esegue l’intonazione a cappella, mentre il coro risponde, accompagnato dall’organo. Infine, l’inno si chiude con una lunga esibizione di sola musica, senza accompagnamento di voci; 

 

  1. “Gloria (Ex Missa de Angelis)”: Dopo l’intonazione del cantore, il Gloria prende il via, alternando tratti eseguiti a cappella a tratti accompagnati dall’organo, seguendo lo stile gregoriano del coro a più voci, con la melodia curata da Monsignor Massimo Palombella. Il finale del Gloria è davvero sorprendente, poiché si conclude Amen, eseguito a più voci, che termina in un’esplosione portentosa di voci, in grado di restituire la solennità del momento; 

 

  1. “Laus Tibi Christe – Beati qui habitant”: Ancora la melodia di Monsignor Massimo Palombella, il canto presenta un inizio solenne e drammatico, per poi proseguire con un’alternanza di voci, che eseguono il canto a cappella nelle strofe, prima di ritrovare l’accompagnamento musicale dell’organo per il ritornello; 

 

  1. “Tu Es pastor Ovium”: il canto presenta la melodia curata da Giovanni Pierluigi da Palestrina. Completamente eseguito a cappella da un coro polifonico, alternando voci maschili a voci femminili, il canto ha accompagnato il momento dell’offertorio; 

 

  1. “Doxology – Dossologia”: essa rappresenta la parte finale della preghiera eucaristica. Dopo l’intonazione da parte dei cardinali presenti sull’altare “Per ipsum, et cum ipso, et in ipso, est tibi Deo Patri omnipotenti, in unitate Spiritus Sancti, omnis honor et gloria, per omnia saecula et saeculorum” e cantata a cappella, il coro della Cappella Sistina ha intonato un triplice “Amen” in polifonia, attraverso un climax crescente di voci, accompagnato dal suono dell’organo; 

 

  1. “Ioseph, fili David”, è il canto che ha accompagnato la distribuzione dell’Eucaristia, sulla melodia curata da Monsignor Massimo Palombella. Realizzato in stile gregoriano, il coro ha eseguito il pezzo in polifonia, alterando il ritornello cantato con l’accompagnamento dell’organo e le strofe completamente a cappella; 

 

  1. “Fugue In C Major – Fuga in Do Maggiore”, ripreso dalle musiche di Johann Sebastian Bach. Dallo stile solenne ed incalzante, la melodia del compositore tedesco ha accompagnato il saluto di Papa Francesco alla folla, decretando la fine della celebrazione della Messa per l’inizio del Ministero Petrino. 

 

Plugin optimized by Syrus