Orchidee Newsweek

Sito Internet di Attualità e Informazioni Web

×

Categoria: Blog

Chi è il consulente SEO

Un consulente SEO è una particolare figura professionale che si occupa di analizzare, integrare e revisionare tutte le modifiche da mettere in pratica su un sito web, perché questo sia ottimizzato per i motori di ricerca. Il consulente costruisce delle tattiche e le concretizza per incrementare il traffico nei confronti di un sito web, in modo da ottimizzare il “page rank”. Il page rank è un particolare algoritmo che assegna uno specifico peso numerico ad ogni elemento di un complesso di documenti, connessi attraverso una serie di collegamenti ipertestuali. L’obiettivo da perseguire è l’incremento del traffico verso un sito web, mediante l’uso di specifiche parole chiave, al fine di migliorare l’esperienza dell’utente e rispettare i principi guida del motore di ricerca. Il consulente SEO deve possedere precise abilità e competenze: deve saper risolvere questioni tecniche e problemi legati ai contenuti; deve individuare le azioni importanti da effettuare per prime; deve andare alla ricerca delle parole chiave; deve incrementare le strategie di link building, utili ad aumentare i link in ingresso verso un sito web; creare contenuti di qualità e accattivanti. Il consulente SEO deve svolgere compiti precisi: individuare e fissare gli obiettivi di marketing del cliente, la posizione nel settore, la sua area di affare, i prodotti e i servizi che lo caratterizzano ed il posizionamento del marchio; realizzare una periodica SEO audit, per valutare lo stato di ottimizzazione del sito; valutare, mettere alla prova e risolvere le eventuali problematiche riscontrate nel sito web; ottimizzare il sito web attraverso le tecniche SEO on – page (struttura del contenuto, organizzazione dei tag e della linking interna) e quelle SEO off – site (strategia della link building); selezionare ed individuare le parole chiave principali, quelle secondarie, quelle a coda lunga, per intercettare i potenziali lettori / clienti; incrementate le parole chiave nel sito; intercettare e sviluppare l’esperienza dell’utente; riconoscere e risolvere i problemi tecnici; avere conoscenza dell’ottimizzazione del motore di ricerca locale (Local SEO), se la sua consulenza SEO è dedicata alle attività locali; sviluppare competenze in grado di combinare buona scrittura e strategia SEO (copywriting SEO); aggiornarsi su tutte le innovazioni del settore e sulle eventuali modifiche che riguardano i motori di ricerca; conoscere il funzionamento dei Content Management System (CMS) per organizzare i contenuti e i siti. I più conosciuti sono WordPress, Prestashop, Magento…; migliorare l’organizzazione dei collegamenti interni; usare i KPI, le metriche di valutazione utili per  

stimare quanto siano efficaci le campagne SEO; compilare relazioni mensili sul SEO da mettere a disposizione del cliente. Per diventare consulente SEO non c’è altro modo che studiare, applicarsi, provare e far crescere i progetti che si curano. Il consulente SEO rappresenta una figura professionale molto richiesta, ma non ci sono corsi di laurea né certificazioni che conferiscano titoli nel campo. Per sviluppare abilità nel settore e diventare consulente SEO sarà importante: informarsi e leggere gli articoli, i libri o le guide presenti sul Web; seguire corsi SEO online o in presenza; sperimentare le proprie capacità, costruendo siti web e blog, tentando di ottimizzarli e posizionarli sui motori di ricerca. Non ci sarà niente di più efficace della pratica per acquisire la tecnica e diventare consulente SEO.

Come cancellare dati personali da Google

La Corte di Giustizia Europea, con la Sentenza  del 13 maggio 2014, n. 131/12, ha stabilito che, in secondo quanto previsto dagli artt. 7 e 8 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea, l’interessato può chiedere che una data informazione, pubblicata nel web, non venga più messa a disposizione del pubblico, prevalendo sia sull’interesse economico del gestore del motore di ricerca, che sull’interesse del pubblico ad accedere a tale informazione in occasione di una query che ha come oggetto il nome della persona interessata. Si tratta del diritto all’oblio, che consiste nel diritto del cittadino all’eliminazione e all’indicizzazione dei dati personali, oltre che alla cancellazione delle informazioni collegate ad essi o ai motori di ricerca. Il diritto all’oblio consiste nel diritto dell’utente nel cancellare i propri dati da Google. Cancellare i propri dati da Google vuol dire eliminare tutte quelle informazioni che meritano una particolare tutela della privacy: cognome, nome, indirizzo di residenza, numero di telefono, estremi dei documenti di riconoscimento, indirizzo e – mail e qualsiasi dato che appartiene alla sfera intima dell’individuo. È importante sapere come cancellare i dati personali da Google. Con la sentenza 23771/2015, il Tribunale di Roma ha decretato che gli utenti possono chiedere al motore di ricerca di cancellare i propri dati personali quando i dati non rivestono una funzione di pubblica utilità. Se la notizia che riporta dati o riferimenti all’utente non è di pubblicazione recente, se la persona è stata oggetto di uno scherzo e vittima della pubblicazione di video, foto o altro materiale che potrebbe imbarazzarlo e si desidera cancellare i propri dati da Google, può avanzare una richiesta a Google per far eliminare i dati personali. Per cancellare da Google i propri dati basterà contattare il webmaster del sito sul quale appaiono, in cui specificare i link (chiamati anche URL) che contengono i dati personali che si desidera far rimuovere ai sensi delle leggi sulla privacy. È fondamentale raccogliere tutti i link in cui sono presenti i propri dati personali e poi inoltrare la richiesta a Google. L’utente potrà chiedere a Google di cancellare i dati personali dai risultati di ricerca compilando un modulo online, ma sarà possibile che gli sarà richiesto di contattare il webmaster Google, perché detiene la responsabilità delle URL. La richiesta al webmaster dove chiedere di far cancellare i dati personali da Google può essere inoltrata attraverso raccomandata con ricevuta di ritorno. È utile sapere per chi voglia cancellare notizie da Google che non sarà facile ottenere un riscontro dal responsabile del sito o dall’editore, che potrebbero anche rifiutare la richiesta di eliminazione dei dati personali da Google. L’aiuto di un legale potrebbe agevolare l’utente nella sua richiesta di cancellazione dei dati personali da Google; il legale sosterrebbe l’utente nell’inoltrare la documentazione e riproporre la richiesta di cancellazione dei dati personali da Google, mediante una diffida. Con l’ausilio di un équipe di informatici, l’avvocato aiuterà l’utente a raccogliere gli URL in cui appaiono i dati personali che si desidera cancellare da Google.